Accademia del Ricercare | Attività nelle scuole
L’educazione musicale ha conosciuto negli anni recenti una crescente attenzione all’interno della programmazione scolastica, favorendo numerose riflessioni basate sulle metodologie di insegnamento di questa importante disciplina.
musica, antica, medievale, rinascimentale, barocca, classica, ensemble, festival, concerti, torino
16835
page,page-id-16835,page-template,page-template-full_width,page-template-full_width-php,ajax_updown_fade,page_not_loaded,,qode-theme-ver-10.0,wpb-js-composer js-comp-ver-4.11.2,vc_responsive

Attività nelle scuole

slider-lab-low

L’educazione musicale ha conosciuto negli anni recenti una crescente attenzione all’interno della programmazione scolastica, favorendo numerose riflessioni basate sulle metodologie di insegnamento di questa importante disciplina.

Chi si occupa di un’educazione musicale di base non si deve riproporre di aggredire l’allievo con nozioni e pratiche meccaniche lasciando inerti il suo intelletto ed il suo sentimento, ma prima di tutto di stimolare in lui il desiderio di approfondire la materia anche al di fuori dell’ambiente scolastico. Si parla quindi di educazione musicale come disciplina di base volta a promuovere la formazione globale dell’alunno interagendo con gli obiettivi didattici di altre discipline. Questo progetto mira quindi al coinvolgimento degli allievi, trasformarli da ricettori passivi in protagonisti attivi. I laboratori offerti si vogliono ispirare a questo modello dinamico: una volta chiariti gli obiettivi, le proposte di lavoro serviranno a trovare modi alternativi di condurre la lezione. Una progettazione aperta e modellabile da costruirsi in progressione risulta coerente con la flessibilità ed il dinamismo dello sviluppo infantile e di conseguenza sollecita sinergicamente tutte le potenzialità.

OBIETTIVI

Esplorazione, percezione ed elaborazione sono i punti fondamentali per scoprire che la realtà sonora è dentro ed intorno a noi. Si utilizzeranno attività motorie e pantomime per fissare percettivamente i concetti ritmici e di pulsazione, per poi passare ad attività  ed esperienze in notazione analogica (dalla traccia motoria nello spazio al segno grafico) per arrivare alla notazione simbolico accentuativa. L’uso creativo della voce e dello strumentario attraverso l’improvvisazione, l’invenzione e sonorizzazione di storie, l’utilizzo di melodie pentatoniche popolari e di filastrocche contribuisce a sviluppare le potenzialità affettive, comportamentali, senso motorio, nonché la creatività e l’autonomia nell’alunno, affinché possa continuare l’esperienza musicale positivamente.

PERCEPIRE - RICONOSCERE - RIPRODURRE
  • Educazione dell’orecchio
  • Attenzione verso la realtà acustica di sé e dell’ambiente
  • Abitudine all’attenzione all’autocontrollo e alla prontezza dei riflessi
  • Capacità di memorizzazione
  • Sviluppo del pensiero creativo
  • Orientamento spaziale mediante la prospettiva sonora
  • Collegamento suono immagine
  • Sviluppo del pensiero creativo
USO CREATIVO DEL SUONO
  • Vivere il suono con tutto il corpo
  • Uso creativo della voce
  • Traduzione grafica dell’evento sonoro come avviamento alla codificazione del simbolo e alla sua decodificazione
  • Concetto di pausa
  • Lettura e scrittura con simboli ideografici
ASCOLTO DI BRANI
  • Capacità di concentrazione
  • Riconoscimento delle caratteristiche formali e strutturali di brani che non oltrepassino le capacità di comprensione dell’alunno

SIETE INTERESSATI AD ATTIVARE UN LABORATORIO NELLA VOSTRA SCUOLA?